Seguendo questo link salti il contenuto della pagina e vai direttamente alla Mappa del sito a fondo pagina
(IT)
   Responsabile: Mirella Taranto
Sei in:
Primo Piano

Invecchiamento e prevenzione della fragilità: Iss in prima linea in progetto UE

ISS 19 gennaio 2017
Costruire una visione comune della fragilità, creare un approccio condiviso tra i Paesi europei per la gestione delle persone anziane, sviluppare strategie per la diagnosi e la cura delle disabilità. Questi alcuni degli obiettivi della Joint Action "Managing Frailty. A comprehensive approach to promote a disability-free advanced age in Europe: the ADVANTAGE initiative - ADVANTAGE" che si tiene a Madrid il 19 e il 20 gennaio.

ADVANTAGE, co-finanziata dal terzo programma dell'UE per la salute 2014-2020, avrà durata triennale e coinvolgerà 22 Stati Membri e più di 40 organizzazioni. Il coordinamento è affidato alla Spagna, in particolare al Madrid Health Service-Getafe Hospital, con il supporto del Ministero della Salute.
L’Italia partecipa attraverso l’Istituto Superiore di Sanità che è co-leader del WP5-Knowing frailty at population level e, in particolare, sarà la Dott. Lucia Galluzzo del Dipartimento delle Malattie cardiovascolare dismetaboliche e dell’invecchiamento a coordinare il lavoro. Oltre all’ISS, per l’Italia partecipano l’AGENAS, l’Istituto Nazionale di Riposo e cura per anziani-INRCA, la Regione Marche, l’Università Cattolica del Sacro Cuore.

Obiettivo della Joint Action è lo sviluppo del concetto di "approccio alla prevenzione della fragilità" nell’ambito dei servizi sanitari e sociali per costruire una visione comune della fragilità che possa essere utilizzata dagli Stati Membri e rappresentare la base di un approccio comune per la gestione delle persone anziane che sono fragili o a rischio di sviluppare fragilità.
ADVANTAGE riassumerà lo stato dell’arte rispetto ai diversi componenti della fragilità e alla relativa gestione, sia a livello individuale che di popolazione, raccoglierà informazioni sullo sviluppo di programmi finalizzati alla gestione della fragilità negli anziani nell’UE e proporrà, come principale risultato, un modello europeo condiviso di approccio alla fragilità, consentendo lo sviluppo di strategie più adeguate per la diagnosi, la cura e la formazione riguardo la fragilità, la disabilità e la multi-morbidità.
La Joint Action contribuirà alla riduzione della disabilità e della mancanza di autosufficienza e preverrà il crescente aumento di domanda di cura dovuto al carico crescente delle patologie croniche. Contribuirà inoltre ad una più efficace risposta ai bisogni delle persone anziane nell’erogazione delle cure, inclusi gli aspetti "sensitive gender", attraverso migliore pianificazione e coordinamento delle cure, approcci organizzativi innovativi, ed una migliore collaborazione tra l’assistenza professionale e quella informale, compreso il supporto per l’autogestione.
Il programma di ADVANTAGE riveste attualmente un grande rilievo in Europa perché risponde ai cambiamenti demografici e all’aumento di domanda di assistenza sanitaria e sociale ad essi associato, dovuto alle malattie croniche, alla fragilità, alla disabilità e all’invecchiamento, che rappresentano una priorità centrale per l’UE e gli Stati Membri.
Sarà realizzato a partire dal lavoro precedentemente sviluppato dalla partnership europea per l'innovazione sul tema "Invecchiare rimanendo attivi e in buona salute" (EIP-AHA), un progetto pilota finalizzato ad aumentare di due anni la vita media in buona salute degli europei entro il 2020.

Pubblicato il 19-01-2017 in Primo Piano , aggiornato al 20-01-2017

Condividi: 

Note legali


© - Istituto Superiore di Sanità Viale Regina Elena 299 - 00161 - Roma (I)
Partita I.V.A. 03657731000 - C.F. 80211730587 - Note legali

ISS Home

Informiamo i visitatori, in virtù della individuazione delle modalità semplificate per l'informativa e l'acquisizione del consenso per l'uso dei cookie - 8 maggio 2014 (Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 126 del 3 giugno 2014), che questo sito utilizza direttamente solo cookie tecnici.[Ho letto]